venerdì 11 gennaio 2013

Emulsionanti usi e tipi

Salve a tutti, oggi vi parlo degli emulsionanti, dei loro tipi, usi e qualità.

Cosa sono gli emulsionanti? sono quelle sostanze che ci permettono, appunto, di emulsionare o meglio miscelare tra loro  i grassi e le sostanze acquose, per creare una emulsione stabile.
Sono usati nella preparazione di creme, latti e cold cream per avere una consistenza stabile, morbida e cremosa.


La grande distinzione è tra emulsionanti a caldo ed emulsionanti  a freddo.
L'emulsionante a caldo generalmente è solido (in polvere o  perle), e deve essere scaldato per poter svolgere la sua funzione. 
Nella formulazione della crema oltre ad esso si possono inserire tutte le sostanze che devono essere sciolte o scaldate, quindi i burri, gli oli e le cere quindi anche  l'alcool cetilico che si usa in quei casi in cui abbiamo un valore di hlb ( hydrophylic-lipophylic balance) troppo elevato. 
Quando è raffreddato viene meno la sua funzione emulsionante: se per ipotesi lo frulliamo, a freddo, con acqua ed olio non otterremo alcuna emulsione.
Le formule delle creme hanno tipicamente tre fasi: fase A e B che vanno riscaldate, fase C che contiene le aggiunte da farsi a freddo, quindi  tutti gli ingredienti che possono perdere le  proprietà o rovinarsi se riscaldate.
Di emulsionanti a caldo ce ne sono tantissimi, mi viene in mente il metilglucosio sesquistearato, il montanov, il lamecreme, il metilglucosio distearato, lo xyliance, la cera d'api etc...
 Il valore HLB del nostro emulsionante, è importante per capirne la forza di emulsione, ma attenzione che le percentuali che vengono indicate dal produttore o che si trovano in rete non sono sempre corrette.
Si ottengono emulsioni stabili acqua in olio con un HLB totale tra 2 e 6
Si ottengono emulsioni stabili olio in acqua con HLB totale tra l'8 e il 16
Se l'HLB dell' elmulsionante è alto ha bisogno di un coemulsionante lipofilo tipo alcool cetilico, a meno che non sia già nato come un autoemulsionante.
Autoemulsionanti sono il montanov,  lo xyliance,  la cera n°3 di AZ ed altri.
Ecco alcuni  HLB:
HLB di alcuni emulsionanti  che ho trovato in rete e da non tenere presente come oro colato : 
3.5-4.0 glyceryl stearate buona attività emulsionante A/O
4.0 lecitina granulare del supermercato
4.7 cetearyl alcohol ottima attività emulsionante A/O
5.0 cetyl alcohol ottima attività emulsionante A/O
10.0 Montanov  emulsionante O/A
10.0 abil care 
11.0 cetearyl glucoside emulsionante O/A
12.0 methylglucose sesquistearate ottima attività emulsionante O/A
Le cold cream ( acqua in olio) reggono più o meno  fino al 25% di acqua, e le  creme (olio in acqua) sono facili da emulsionare solo fino al 25% di grassi, oltre si può provare ma bisogna essere molto dotte nella tecnica di emulsione.
La fase disperdente, ovvero l'acqua o l'idrolato, in emulsioni olio in acqua, deve essere addensata, ecco il perchè dell' uso, ad esempio, della gomma xantana. 
Stessa cosa vale per emulsione acqua in olio dove invece si usa la cera d'api nella fase disperdente, ovvero gli oli ed i burri.
Gli emulsionanti a freddo di solito si presentano come sostanze liquide, nelle lavorazioni a freddo.
Sul loro uso sò davvero poco, non li uso ma potete trovare ricette e consigli sul forum di lola, dalla quale ho reperito alcune delle informazioni che state leggendo.
Non sò indicarvi nomi di questi emulsionanti, non avendoli mai cercati, salvo il gelisucre di aroma zone, del quale ho letto qualcosa, e la lecitina.
Emulsionanti
La lecitina di soia merita un categoria a sè, infatti  si può sciogliere sia nella fase acquosa che in quella oleosa. Emulsiona sia a freddo che a caldo, ma soprattutto ha anche  proprietà emollienti e nutrienti , fa bene a pelle e capelli ed è indicata anche per le creme per i bambini.
 Va comunque sempre abbinata ad un gelificante ( gomma guar, xantana, d'acacia, carrube, ecc.).
Se però volete una  crema più soda potete accostare un  emulsionante : per es. 5 gr. di cera d'api e vi viene una fantastrica crema dalla consistenza soda e cremosa, emulsionando però a caldo.
Cera d'api  è un coemulsionante, si trova  sia gialla, naturale che bianca.
Ha proprietà di protezione e ripazione della pelle, per le creme si usa dal 2 al 6% , per unguenti e balsami fino al 10%.
Si utilizza da sola per emulsionare creme con un'alta percentuale di grassi, come le cold cream, oppure si utilizza insieme ad altri emulsionanti per creme con meno grassi.
Lamecreme  è un autoemulsionante quindi si utilizza da solo, senza bisogno di co-emulsionanti. 
La percentuale va  da 5 a 10%. da sciogliere a caldo ( 55/65 gradi ) in fase oleosa.
Aggiungendo un 1% di cetilico si otterrà una crema bella soda.
Montanov68 è un autoemulsionante, la percentuale è del 5-6% in fase oleosa, ha il difetto di fare una bella scia bianca.
Methyl Glucose Sesquistearate si usa in coppia con un coemulsionante, l'alcol cetilico al 2%, la percentuale va dal 2% per lozioni al 4% per creme.
Olivem1000  si utilizza da solo, senza bisogno di co-emulsionanti.
La percentuale : va  da 5 a 10 % da sciogliere a caldo  in fase oleosa, adatto per creme e fluidi viso/corpo, fa scia bianca ma è abbastanza semplice da usare.
Alcol cetilico è un coemulsionante con percentuale d'uso: da 1 a 5% in genere.
Se  usato in coppia al metilglucosio sequistearato, in genere le percentuali sono al 1.5 - 2 %.
Si usa anche in coppia con l'esterquat e il Kurquat per la preparazione del balsamo capelli.
Può dare un pò di scia bianca.
Cetilpalmitato coemulsionante, si usa dal 1 al 3% e si scioglie a caldo.
Si usa nelle creme viso perchè dà consistenza ed è più leggero del cetilico.

Mi fermo qui...ci sarebbe da scrivere per mesi sennò!



Ti piacciono le scarpe? Su questo sito trovi scarpe delle migliori marche ( Fornarina, Bikkembergs, Paciotti) con sconti fino al 50%. Spedizione e reso gratuite! Clicca QUI per vedere le offerte.