martedì 13 novembre 2012

Calcolo della Sap ed ingredienti


La Sap o coeficiente di sponificazione degli oli è la cosa più importante da sapere, dopo le regole per la sicurezza, infatti per ogni tipo di oli serve una diversa quantità di soda caustica affinchè possa trasformarsi in sapone.
Qundi  dosare tutti gli ingredienti in maniera accurata è essenziale. Dato che la quantità di soda caustica e di acqua dipendono da quanto olio o grasso utilizziamo occorre pesare in maniera accurata i grassi.


Non fate l'errore di supporre che 1 litro d'olio pesi 1 kg. Infatti un litro d'olio pesa all'incirca 9 etti. Quindi, utilizzando la bilancia digitale, pesiamo bene l'olio.
Nei metodi a caldo ed a freddo servono diverse quantità d'acqua quindi bisogna fare attenzione.
Io ho usato il convertitore del sito sapone il bello che in base ai grammi di oli usati vi calcola quanta acqua e quanta soda usare, con tanto di sconti di soda, se si vuole fare un sapone per il viso piuttosto che uno da bucato.
Vi inserisco il link qui, vi conviene salvarlo.
Convertitore utile
Asserito quindi che in il calcolo per la Sap si può fare usando il convertitore che vi ho inserito, dovete sapere che lo stesso non contiene tutti gli oli od i grassi che si possono usare, quindi dopo avervi spiegato come fare i calcoli vi inserirò alcuni ulteriori grassi.
Per calcolare la soda necessaria per saponificare un certo quantitativo di grassi è sufficiente moltiplicare il peso del grasso per il coefficiente SAP relativo.
Ad es. se devo saponificare 1 kg di olio di oliva (c.ca 1,11 litri perchè abbiamo visto che  l’olio pesa sui 900g/l)  per fare saponette, devo sapere che: SAP OLIVA  NaOH=0,134), devo  quindi  moltiplicare 1000g x 0,134=  quindi 134 g di soda necessaria.
 Poi si calcolerà  lo sconto della soda (di solito sul 5-7%; sconto più alto renderebbe il sapone maggiormente soggetto a irrancidimento). Praticare lo sconto della soda significa lasciare intatta nel sapone finito una parte degli acidi grassi, che rendono il sapone più gentile con la pelle, quindi si usa per saponi viso e corpo.
Lo sconto si calcola moltiplicando il SAP *100 – sconto / 100 dove a SAP totale si sostituisce il peso della soda calcolata prima. Ad es. i 134 g scontati al 6% diventano: 134* (100-6 /100) =134*0,94=126 g c.ca.
 Ed eccovi alcuni coeficenti utili:
 Coeff. SAP     Tipo di Olio o grasso animale
(NaOH)
0,059               Jojoba
0,124               Colza
0,128               Burro di karité, Burro di mango, Ricino, Riso
0,131               Germe di grano
0,132               Falso frutto della rosa
0,133               Avocado, Semi di zucca, Sesamo
0,134               Girasole, Oliva
0,135               Noci, Pistacchio, Semi di Albicocca, Soia
0,136               Arachidi, Mais, Mandorle dolci, Nocciole, Semi di lino
0,138               Strutto
0,139               Macadamia, Neem
0,140               Grasso di bue
0,141               Palma
0,140               Palma (stearico)
0,156               Noccioli di palma
0,162               Burro (mucca)
0,195               Argan
In internet trovate tante tabelle utili e sicuramente più complete.
Chiarito quindi che gli ingredienti necessari sono: olio/burro/cera/grasso, acqua demineralizzata, soda caustica, vediamo quali ingredienti facoltativi usare:
COLORANTI: Il sapone autoprodotto tende ad avere un colore che va dal giallo al verde opaco. Esistono numerose sostanze che permettono di colorare il sapone o comunque di cambiargli aspetto. Alcune  si possono trovare in casa, altre  si possono acquistare in negozi specializzati, ma fate attenzione non tutti i coloranti sono utilizzabili, occorre esclusivamente utilizzare coloranti specifici per cosmetici che sono stati testati per l'utilizzo sulla pelle e sono quindi sicuri. Si possono usare però:  l'hennè (rossiccio), lo zafferano (giallo), la curcuma (ocra), cacao (marroncino) e cannella (quasi rosato). Tipicamente si usano in quantità pari a 3 cucchiaini per chilogrammo di grasso.
PROFUMI:  Anche qui vale il discorso legato ai coloranti sintetici. Occorre usare fragranze e/o olii essenziali già testati per uso cosmetico.
ADDITIVI: Per lo scrub:  caffé, polvere di pomice, argilla verde. Per decorare: petali, erbe secchi. Per rendere la texture più asciutta e fissare i profumi: amidi e fecole come patata, mais, riso e manioca.

Un abbraccio Anto

Hai un blog, un sito o una pagina facebook? Sapevi che puoi guadagnare seriamente sulla pubblicità che generi? Iscriviti QUI e inizia subito...io l' ho fatto!