giovedì 4 aprile 2013

Garnier Olia recensione e pareri

Ciao a tutti, oggi vi parlo della nuova colorazione della Garnier, la Olia.

L' azienda la vende come una colorazione permanente senza ammoniaca e con il 60% di oli naturali di fiori e promette massima intensità del colore, copertura del 100% dei capelli bianchi e  cura per migliorare la qualità dei capelli.


L' ho voluta provare per due ragioni: la prima è che avendo io il 70% di capelli bianchi sono costretta, mio malgrado, a tingerli ogni 20-25 giorni e, chi come me, usa l'hennè sa bene che i capelli bianchi non si coprono mai al 100% costringendo di fatto ad una tinta vera e propria ogni 2-3 mesi per ridare uniformità al colore.
La seconda è che dovendo io fare una tinta vera e propria, cercavo qualcosa di più leggero e meno chimico, in maniera da seccare meno i capelli.
Ho scelto il " castano chiaro cioccolato" tonalità 6.35, perchè simile al colore che lascia l' hennè sui miei capelli, ma un pelo più scuro e molto caldo.
La confezione contiene: un flacone vuoto, un tubetto di crema rivelatrice, un tubetto di colore, un balsamo luce, un paio di guanti e le istruzioni d' uso.
PRIMA (riga al centro)
PREZZO: 7,50 euro ma in offerta lancio alla Coop, dovrebbe costare sui 9 euro.
LE ISTRUZIONI: Di fatto le istruzioni sono semplici e chi ha già usato le tinte da supermercato non avrà alcun problema nel suo uso.
IL FLACONE: E' molto carino e rispetto ad altre tinte non contiene la crema rivelatrice ma è vuoto, ha un beccuccio a punta che permette di applicare il colore con facilità.
LA CREMA RIVELATRICE: Non ha alcun odore, è bianca e fluida.
LA CREMA COLORANTE: Profuma dolcemente di fiori e si presenta abbastanza fluida.
I GUANTI: Semplici ma di colore nero...cosa fin' ora mai vista.
IL BALSAMO: Non credo che lo userò..contiene siliconi ma il tubetto contiene comunque una dose generosa che ne permette il riuso negli shampoo seguenti.

PRIMA (lato testa)
PARERE PERSONALE: Si mette facilmente perchè non è densissimo e profuma in effetti di fiori e non di qualcosa di chimico, non brucia e si percepisce molto poco sul cuoi capelluto.
Sia la crema colorante che il fluido rivelatore contengono come primo ingredienti la paraffina liquida, il che non mi piace di sicuro...ed alcuni sali oltre che acqua ossigenata.
Il balsamo, contiene amodimethicone che non voglio assolutamente sui capelli, perchè già secchi di loro, userò il mio Splendor al cocco e l'olio di lino.


RISULTATO:  Come si vede dalla foto ( scusate le foto poco chiare) del prima e dopo ha coperto i capelli bianchi..ma non proprio al 100%..devo dire però che i miei capelli sono davvero difficili, infatti anche alcune tinte molto forti non sono riuscite nell' opera.
DOPO ( riga centrale)
I capelli sono un pò elettrici, ma per capire se sono secchi come al solito dovrò attendere la seconda o terza lavata.
Sul colore devo fare una premessa: circa un mese fa ho tagliato cortissimi i capelli, perchè,  avendo deciso di usare l' hennè come tinta prevalente, volevo che i bianchi, che ovviamente sarebbero diventati arancio-rame, non staccassero troppo dai miei che avevo fino ad allora tinto di catano scuro e che non avrebbero di certo schiarito anche usando l' hennè.
Però non volevo rasarmi a zero, perciò una piccola parte delle lunghezze e buona parte della frangia sono rimaste castane, mentre i 4-5 cm di capelli alla radice sono rossicci.
La tinta ha dato una bella tonalità di castano chiaro rossiccio ai capelli hennati ed un lieve riflesso a quelli castani, il colore è lucido.

DOPO (lato testa)
CONCLUSIONE: Naturalmente dipenderà da come reagiranno i miei capelli ai prossimi shampoo, se si rivelassero secchi come per le altre volte, (ovviamente lo scriverò), non trovo grandi differenze nè ragioni tali da preferire questa tinta  alle altre, salvo forse il profumo che davvero non dà noia. 

Sè però dovessi vedere che i capelli non si seccano come in altre occasioni, allora vorrebbe dire che l' uso degli oli nella crema colorante dà veramente degli effetti benefici ed in questo caso, finchè non troverò una degna sostituta, direi che è una buona tinta da usare ogni 2-3 mesi tra un hennè e l'altro.

Spero di esservi stata d' aiuto, se la provate ditemi cosa ne pensate voi!
Un abbraccio
By Anto