lunedì 29 aprile 2013

Progetto Sapone con oli esausti da frittura..vorrei aiuto!

fotocomposizione da immagini google


Ciao a tutti, oggi vorrei condividere con voi il mio prossimo progetto: fare  il sapone per la biancheria usando oli esasti usati per friggere.
Devo dire innanzi tutto che sono fortunata perchè  ho avuto la possibilità di ottenere gratuitamente dal corpo della Protezione Civile di Celle Ligure, di cui faccio parte e sono membro attivo, un bidone da 25 litri circa di olio esausto.

Premetto che il piccolo Comune di Celle Ligure è tra quelli che provvedono alla raccolta, presso le oasi ecologiche, degli oli esausti, quindi non ho fatto un vero gesto ecologico, ma il riuso di cotanto olio per fare un sapone da usare in lavatrice è comunque un gesto da considerare verde e utile.
L' olio in questione è olio di palma frazionato, quindi di colore chiaro direi giallino, e consistenza piuttosto burrosa a temperatura ambiente e liquida se scaldato.
E' stato usato per friggere le famose focaccette liguri, perchè come Protezione Civile, noi partecipiamo a gare ciclistiche, feste comunali, presentazioni e fiere con la preparazione di piatti tipici di stagione e pesche di beneficenza oltre che occuparci della viabilità e della sicurezza dei cittadini.
Ho iniziato a cercare in rete tra le ricette che prevedono il riuso degli oli esausti per fare il sapone ed ho trovato svariate ricette, quindi sto ancora valutando quale usare perchè sono piuttosto diverse e prevedono lavorazioni diverse.
Naturalmente la prima cosa che farò sarà il filtraggio per eliminare eventuali tracce di residui di frittura, poi inizierò a lavorarlo, tentando di produrre sapone che possa essere usato tranquillamente in lavatrice senza temere rilascio di odori o colori.
Vorrei quindi chiedere a voi che mi seguite se qualcuna ha già provato a fare il sapone usando l' olio esausto, con quale ricetta e come è uscito....se avete avuto qualche esperienza a riguardo anche non diretta o sapete di qualcuno che lo ha fatto.
Sarebbe utilissimo per me poter collaborare ed imparare da chi lo ha fatto per comprendere qual' è il miglior metodo, per questo chiedo il vostro aiuto o quello delle vostre sostenitrici, ringraziandovi e ringraziandole sin da ora.
A presto
Anto